In attesa dell’esame virtuale. Con ottimismo

di Redazione

Nicola, “Ingegneria elettronica e informatica”, Ferrara.

Frequentare l’università online è sicuramente più semplice che frequentare lezioni di scuole superiori e medie, questo lo dico e lo so perché convivo con la mia famiglia nella quale, mamma, sorella e cognato sono tutti e tre professori di scuole secondarie. 

Per loro le lezioni sono tutte in streaming e per cui in diretto contatto con gli studenti. Nel mio caso le lezioni sono tutte registrate ed è quindi un vantaggio per me, potendole riascoltare e fermare ogni volta che ho bisogno di prendere appunti. In questo modo, per noi universitari, è possibile gestire a nostro piacimento, durante la giornata, lo studio e la visione delle nostre lezioni. 

I professori sono sempre molto disponibili per eventuali chiarimenti (via Skype o via mail) e sempre veloci e frequenti nel caricare lezioni, esercizi e soluzioni. 

Al momento devo ancora sperimentare il nuovo tipo di esame, cosiddetto “virtuale”, ma sentendo da amici di altri corsi sembra essere molto simile a un esame in aula e un buon modo per non rimanere indietro con gli studi, gli unici timori potrebbero essere quelli su una possibile perdita di connessione. 

Io mi trovo bene con questo nuovo metodo di lezione, come tutti spero che presto tutto ritorni alla normalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *